martedì 29 novembre 2016

Recensione: Illuminae di Amie Kaufman e Jay Kristoff

Sono stati giorni difficili, un po' vuoti e un po' pieni. Ho avuto anche un colloquio in una fumetteria ma il lavoro non sembra arrivare ed è difficile non buttarsi giù se i soldi ti servono per forza. E intanto ci tiriamo su con qualche lettura e qualche serie tv... giusto l'altro ieri ho finito di vivermi il ritorno della mia amata Una mamma per amica e ne sono rimasta sorpresa parecchio, non so se più in positivo o negativo. Intanto mi godo la dolcezza di This is Us e le bellissime e macabre scene della serie su L'Esorcista.
E nel campo delle letture cosa accade??? Mi sto dando completamente alla serie di Ransom Riggs e nel frattempo attendo un ordine che ho fatto su Libraccio.


Voto:  5

Titolo: Illuminae


Serie: The illuminae file_01

Autore: Amie Kaufman, Jay Kristoff


Prezzo: 22,00


Trama: Quel giorno, quando si è svegliata, Kady pensava che rompere con Ezra sarebbe stata la cosa più difficile da affrontare. Poche ore dopo il suo pianeta è stato invaso. Anno 2575: il cielo di Kerenza, un pianeta poco più grande di un granello di sabbia coperto di ghiaccio e sperduto nell'universo, si oscura all'improvviso. Tra le esplosioni e le urla degli abitanti terrorizzati, una squadra d'assalto della... una potente corporation interstellare, dà inizio all'invasione. Ed Ezra e Kady, che si rivolgono a malapena la parola, sono costretti a cercare insieme una via di fuga. Alcuni giorni dopo, però, un mortale... mutante inizia a diffondersi a bordo di una delle navi sulle quali si trovano i due ragazzi e gli altri superstiti. Come se non bastasse, AIDAN, l'intelligenza artificiale che dovrebbe... pare essersi trasformato nel nemico. E nessuno dei militari incaricati delle operazioni di salvataggio sembra intenzionato a spiegare ciò che sta accadendo. Quando Kady riesce ad accedere a... strettamente riservate, le è subito chiaro che l'unica persona che può aiutarla è anche l'unica con la quale pensava non avrebbe più avuto nulla a che fare.



Recensione

« Spazio, ultima frontiera. Eccovi i viaggi dell'astronave Enterprise durante la sua missione quinquennale, diretta all'esplorazione di strani, nuovi mondi, alla ricerca di altre forme di vita e di civiltà, fino ad arrivare là dove nessun uomo è mai giunto prima. »

Ecco sì, mi è sembrato un po' di viaggiare sull'Enterprise con Spock e Kirk dato che tra Kady ed Ezra c'è quasi lo stesso rapporto di amore/odio intervallato da bisticci e battutine adolescenziali. Alla fine il clima è quello solo con meno mostri e la stessa quantità di problemi. Il fatto è che non siamo su Star Treck e il problema non sono strane creature di altri mondi, ma la nostra cara e vecchia umanità... la civiltà che da sempre è stata quella più pericolosa e problematica.
E' bastato un giorno qualunque, un giorno che non sarebbe più stato uno qualunque per i nostri protagonisti. Ed ecco che Illuminae arriva a parlare di due ragazzi che hanno perso il proprio pianeta, la propria famiglia, i propri amici. Insomma, hanno perso tutto. Io invece ho perso la testa per questo libro perché sì, Illuminae non è solo un libro ma qualcosa di più. Ha tutto ciò che si possa desiderare. C'è una guerra, c'è disperazione, forza, azione, pericolo, colpi di scena ma c'è anche amore e sofferenza. C'è sacrificio. Ci sono due protagonisti che non si lasciano scoraggiare, che non perdono tempo a corrersi dietro ma a lottare, a vivere. Ezra è quel ragazzo che potrebbe rimanere nella media se non fosse protagonista di una guerra interstellare ma che sotto le luci dei riflettori tira fuori tutta la propria dolcezza e la propria forza. La vera guerriera però è lei, Kady. La stessa Kady che cerca di fare l'indifferente, che si tiene tutto dentro, che molla il ragazzo che ama ancora solo per non soffrire di più. Lei è quella forte, quella che non deve mostrare debolezze. La stessa Kady che scrive un diario in cui piange con le parole perché solo quando perdi tutto ti rendi conto della bellezza di ciò che avevi. 
Non è il solito distopico con la storia d'amore tira e molla o con il triangolo che alla fin fine da tutti viene considerato, è una novità. Quello che hanno creato a quattro mani Amie Kaufman e Jay Kristoff è qualcosa di speciale e unico, nulla di mai visto prima.
La storia è già successa, tutto si è già compiuto ma siamo noi a frugare tra le carte archiviate che ne raccontano i fatti perché, come ho già detto non avete mai visto qualcosa come questo romanzo. Ciò che gli scrittori ci danno modo di leggere arriva a noi tramite testimonianze, documenti, interrogatori ai protagonisti, registrazioni, trascrizioni di messaggi inviati via mail, filmati di sorveglianza eccetera. Sembra tutto così complicato, freddo e senza emozioni ma non lo è, ve lo assicuro.
Questo libro è profondo come lo spazio di cui racconta. E' vivido, quasi come fosse un film. Tutte quelle parole scritte a quattro mani non creano immagini solo nella nostra mente ma lo fanno già lì, nero su bianco, davanti ai nostri occhi. Un libro illustrato che si fa mangiare con gli occhi, un di quei libri che ogni lettore brama. Forse il prezzo è il freno più grande ma è accettabile per un'edizione del genere che altrimenti in Italia si sarebbe vista col binocolo.
Illuminae è un'avventura fresca e ipnotizzante perché sì, mi sono persa persino io tra le pagine e le stelle. Non ho pensato a niente di meglio che raccontarvi ancora di questa meraviglia proprio come hanno fatto Amie Kaufman e Jay Kristoff, con le immagini.

2 commenti:

  1. Bellissima recensione, è davvero un libro bellissimo soprattutto per la copertina e non vedo l'ora di leggerlo!!

    RispondiElimina
  2. Anche io sto vivendo la tua stessa situazione... forza e coraggio! Ripetiamolcelo e prima o poi ne usciremo!
    Comunque questa serie mi attira un sacco!

    RispondiElimina