domenica 24 marzo 2013

Recensione: L'isola dell'amore proibito di Tracey Garvis Graves

Domenica sta arrivando alla fine e prima di andare sul divano a guardare Elementary ho deciso di postare una piccola recensione, spero vi piaccia.


Voto: 4 +
Titolo: L'isola dell'amore proibito
Autore: Tracey Garvis Graves
Prezzo: 14.90
Trama: L'acqua cristallina lambisce dolcemente i suoi piedi nudi. Anna apre gli occhi all'improvviso e davanti le si apre la distesa sconfinata di un mare dalle mille sfumature, dal turchese allo smeraldo più intenso. Intorno, una spiaggia di un bianco accecante, ombreggiata da palme frondose. Le dita della ragazza stringono ancora spasmodicamente la mano di TJ, disteso accanto a lei, esausto dopo averla trascinata fino alla riva. Anna non ricorda niente di quello che è successo, solo il viaggio in aereo, il fondale blu che si avvicina troppo velocemente e gli occhi impauriti di TJ, il ragazzo di sedici anni a cui dovrebbe dare ripetizioni per tutta l'estate. Un lavoro inaspettato, ma chi rifiuterebbe una vacanza retribuita alle Maldive? E poi Anna, insegnante trentenne, è partita per un disperato bisogno di fuga da una relazione che non sembra andare da nessuna parte. Ma adesso la loro vita passata non è più importante. Anna e TJ sono naufraghi e l'isola è deserta. La priorità è quella di sopravvivere fino ai soccorsi. I giorni diventano settimane, poi mesi e infine anni. L'isola sembra un paradiso, eppure è anche piena di pericoli. I due devono imparare a lottare insieme per la vita. Ma per Anna la sfida più grande è quella di vivere accanto a un ragazzo che sta diventando un uomo. Perché quella che all'inizio era solo un'amicizia innocente, attimo dopo attimo si trasforma in un'attrazione potente che li lega sempre più indissolubilmente.


Recensione

Non è esattamente il genere per cui mi fionderei in libreria o al quale darei anche solo una piccola occasione per entrare nella mia libreria, per fortuna ne ho sentito parlare così tanto e così bene sul web che mi sono decisa a leggerlo.

Anna, insegnante trentenne, su richiesta della famiglia ha deciso di aiutare TJ a rimettersi in pari con la scuola dopo la lunga pausa causata dalla malattia. La famiglia del sedicenne è già alle Maldive per cui gli unici a viaggiare sono lui e Anna.
Varie e sfortunate circostanze portano i due ad avere un incidente per poi finire naufraghi in un'isola che scoprono essere deserta. La paura, la disperazione e la speranza fanno a gara e piano piano la paura vince e i due iniziano a pensare di morire perché la fame e la sete sembrano avere il sopravvento su qualsiasi cosa.
Col tempo e la forza di sopravvivenza vincono ogni tentativo che l'isola tira fuori per metterli K.O. Gli anni passano e la speranza di essere trovati non è più il primo pensiero, Anna e TJ si prendono cura e si preoccupano l'uno dell'altra e senza accorgersene si comportano come una coppia.
TJ diventa presto un uomo e la sua presenza non suscita ad Anna le stesse sensazioni di quando erano nella realtà di tutti i giorni, la stessa cosa vale per il ragazzo che è ormai sicuro di amarla.

Tra vari pericoli, tra la disperazione e la speranza di essere ritrovati che piano piano si dissolve trovano spazio emozioni sempre più grandi. 
Nasce così un amore che in circostanze normali sarebbe stato improbabile ma che lì, soli nella vastità di un'isola dove ogni giorno è un'avventura, sembra inevitabile ed è l'unica cosa a cui possono aggrapparsi. 

E' sicuramente uno dei libri più belli che abbia letto, il modo in cui le emozioni dei protagonisti cambiano  e si evolvono con la loro crescita e la consapevolezza del tempo che passa, di Natali e compleanni persi lontani dalle rispettive famiglie è triste ma li rende incredibilmente forti agli occhi del lettore.
E' affascinante come essendo gli unici due abitanti dell'isola si leghino sempre di più per diventare l'uno l'ancora di salvezza dell'altra, alla fine hanno una relazione ancora prima di iniziarla effettivamente poiché contano sull'altro per qualsiasi cosa e se anche ad uno dei due succedesse qualcosa l'altro non riuscirebbe ad andare avanti.
Non si parla di un colpo di fulmine, non si parla di un amore convenzionale ma di un amore nato dalle circostanze ma vero e incredibilmente profondo. Alla fin fine se non fossero naufragati nell'isola la loro storia non avrebbe mai avuto una chance.
La domanda principale è se riescono a tornare, se riescono ad andarsene dall'isola. 
Ebbene sì, dopo cinque anni ce la fanno ma al loro ritorno accolti da famiglia e telecamere non fanno altro che rispondere a domande una dopo l'altra. Le famiglie li sostengono in tutto perché quel che conta alla fine è che sono vivi e felici, alcuni però non vedono di buon occhio il loro rapporto e non credono che la storia sia effettivamente iniziata quando TJ era già maggiorenne.
Anche al ritorno dall'isola devono affrontare molte avversità e tra queste il timore di Anna di portare via a TJ anni ed esperienze che non ha avuto modo di fare.
Insomma, è un libro che ti stritola il cuore in una morsa d'acciaio ma lo fa con la promessa di restituirlo tutto intero e con un aspetto migliore, più sereno. Ti entra nel profondo e lascia il segno perché fa pensare a tutto, fa pensare alle piccole cose della vita che sembrano insignificanti finché non le perdi e a quante persone notino solo le diversità quando si dovrebbe guardare ben altro.

L'isola dell'amore proibito è una piccola chicca solo da apprezzare perché insegna che quando c'è di mezzo l'amore conta soltanto quello.

18 commenti:

  1. Non vedo l‘ora di leggere questo libro *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero tu lo faccia presto, ne vale la pena ^^

      Elimina
  2. Non sembra niente male *-* tutti ne parlate bene... ci farò un pensiero anche se non è proprio il mio genere *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me se ci fai un pensierino non ti deluderà :)

      Elimina
  3. Stupenda recensione*-*
    Ah, questo libro<3 come l'ho cominciato non sono più riuscita a staccarmene. Davvero magnifico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie *-* E' davvero stupendo, spero arrivino in Italia anche altri libri dell'autrice

      Elimina
    2. Si, speriamo** poi quest'estate esce anche una novella collegata a questo romanzo, non vedo l'ora*-*

      Elimina
    3. Non ne avevo idea, adesso non sto più nella pelle! *^*

      Elimina
  4. Che bella recensione! *w*
    Ne ho sentito parlare benissimo ma non so, non credo sia il mio genere e dalla trama non mi dice granché. Però la tua recensione mi ha incuriosita molto :)

    L'immagine da The Notebook <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie *^* Non è neppure il mio genere ma se ci fai un pensierino sono sicura non ti deluderà, l'immagine di The Notebook la adoro!

      Elimina
  5. Ciao :) Mi chiamo Sheryl e anche a me piace molto la lettura!!
    Ho visto che ti sei unita ai lettori fissi del mio blog, e ti ringrazio ^^
    Che coincidenza, giusto qualche giorno fa avevo visto il tuo blog e ho cercato di iscrivermi, ma purtroppo il mio computer mi sta dando un pò di problemi e non me lo ha lasciato fare :( appena riesco a risolvere questo problema mi iscrivo!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sheryl, non ti preoccupare...anche il mio computer a volte ha dei problemi ^^ Ti ringrazio molto, quando potrai aggiungerti sarò felice di averti come follower :)

      Elimina
  6. Bella recensione, questo libro mi ispira! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ^^ secondo me ti potrebbe piacere moltissimo!

      Elimina
  7. Ne ho sentito parlare molto bene anchio! Bella recensione :)
    Questo libro mi attira sempre di più! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ^^
      Spero tu lo legga presto, sono curiosa di sapere se ti piacerà come è piaciuto a me!

      Elimina
  8. Bella recensione Elena! Devo ammettere che non aveva attirato per niente la mia attenzione, non è esattamente il genere che prediligo ma dopo tutti questi pareri positivi che sto leggendo credo proprio che mi convincerò ad acquistarlo! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :) Guarda, non è nemmeno il mio genere ma è bello cambiare ogni tanto e questo libro è davvero consigliatissimo!

      Elimina