mercoledì 24 aprile 2013

Recensione: Chaos di Lauren Oliver

Buon mercoledì a tutti! Vi ricordo che oggi esce in tutte le librerie Ogni giorno di David Levithan.
Ah, e chi se lo dimentica? Sono settimane che ho segnato la data sul calendario.
Voto: 5-
Titolo: Chaos
Serie: Delirium #2
Autore: Lauren Oliver
Prezzo: 17.00
Trama: Nel mondo di Lena l'amore è bollato come delirium, una terribile malattia che va estirpata da ogni ragazzo. Lena non vede l'ora di ricevere la cura, perché ha paura di innamorarsi, ma proprio il giorno dell'esame conosce Alex, un ragazzo bellissimo e ribelle. L'amore tra Lena e Alex cresce ogni giorno di più, fino a che i due innamorati non decidono di scappare nelle Terre Selvagge. Ma purtroppo i piani non vanno come previsto... Lena si ritrova sola, senza Alex, che è rimasto dall'altra parte della rete, e senza la vita che conosceva. Vuole dimenticare quello che è successo, perché ricordare fa troppo male. Adesso è il tempo di farsi nuovi amici ed è il tempo di unirsi alla ribellione: contro chi vuole estirpare la possibilità di amare dal cuore di tutti gli uomini e contro chi le ha portato via Alex...


Recensione

"Visto? Visto? Queste vecchie religioni macchiavano tutto con l'amore. Grondavano, sanguinavano di delirium."
Ovviamente all'epoca sembrava terribile, e vero.
"L'amore, la più mortale delle cose mortali."
"L'amore ti uccide."
Alex.
"Sia quando ce l'hai..."
Alex.
"Che quando non ce l'hai."
Alex.

Non siamo più in Delirium, non c'è più traccia di quella ragazza che ha paura della malattia. 
La paura è scomparsa quando si è innamorata di Alex, l'ultima traccia di quello che era se n'è andata quando l'ha perso ed è tornata la paura, quella vera, non quella costruita sulle bugie.
Sin dalla prima pagina quindi troviamo una Lena diversa. Come una fenice è rinata dalle proprie ceneri, più forte e pronta a lasciarsi alle spalle i pezzi infranti della sua vecchia vita, perché lì fuori l'unica cosa che bisogna fare col passato è dimenticarlo.
Alex. Alex non c'è più, Lena non fa che ripetersi che è morto, che appartiene al passato. Ora deve creasi un futuro o quanto meno andare avanti e l'unico momento in cui rivediamo il suo amato è attraverso i ricordi, quando si concede di soffrire un po' per colui che si è sacrificato per darle la libertà.
Quando l'abbiamo lasciata alla fine di Delirium, Lena, era una ragazza in fuga braccata da quelli che ormai erano diventati solo carcerieri. 
E noi? Alla fine del primo libro eravamo sull'orlo di un precipizio, il cuore strappato senza scuse dal petto ancora in fiamme e una valanga di lacrime che minacciava di travolgerci da un momento all'altro.
Con Chaos abbiamo l'occasione di immergerci nelle Terre Selvagge, di conoscere nuovi personaggi e una protagonista che fa di tutto per dare una mano a quella che presto diventa la sua nuova famiglia.
L'amore, le emozioni, sono qualcosa di unico, sono una salvezza e a volte una condanna per chi non vuole soffrire. Nonostante questo non vale la pena negarsi qualcosa di così unico solo per la paura.
La resistenza non vuole la cura, non c'è nessuna malattia da curare.
Lena entra a far parte della resistenza e per aiutare torna tra le persone che tanto odia, quelle che vogliono una cura. Nelle Terre Selvagge li chiamano zombi, perché è questo che diventi quando le persone che ami non sono diverse dai conoscenti, dopo la cura non ami più...sei solo un'involucro pieno di idee che non ti appartengono.
Julian Fineman è la sua missione segreta, è il figlio dell'uomo che è a capo del movimento contro il delirium. Per tutti Julian è diventato simbolo della lotta contro la malattia, il ragazzo non è ancora stato curato perché potrebbe essere l'ultima cosa che fa in vita sua. 
Essere curato dal delirium potrebbe farlo morire. 
Lena deve tenerlo d'occhio qualunque cosa accada e, quando ad una manifestazione il chaos prende il sopravvento, si ritrovano soli. Le Iene non sono come gli Invalidi, i primi vogliono solo distruzione mentre lei, come i suoi compagni, vuole solo la libertà.
Rapiti dalle Iene sono sulla stessa barca ed è così difficile ricordare che il tuo compagno di cella è uno dei nemici quando è stremato, impaurito e affamato quanto te.
Julian non è la persona che tutti credono, non è come suo padre, è un ragazzo di una dolcezza unica che nasconde la propria gentilezza sotto mille strati di paura. 
Alex. Julian non è Alex ma il delirium arriva sempre quando meno te lo aspetti.
Ammetto che questo secondo capitolo della serie sia piaciuto un po' meno del primo, Delirium è stato romantico e triste al tempo stesso mentre Chaos è un continuo susseguirsi di colpi di scena che da il via a scene d'azione che al lettore non bastano mai.
Lauren però non abbandona quella sfumatura poetica che contraddistingue la sua scrittura, pagina dopo pagina è come una lama che ti trafigge il cuore lentamente, con l'eleganza e la dolcezza che appartiene solo a lei, quella donna che tutti amano.
La mancanza del personaggio che ho apprezzato di più nel primo libro si è sentita moltissimo, eravamo abituati ad Alex come ad una presenza costante mentre qui sembra più un vecchio ricordo. Sepolto sotto milioni e milioni di lacrime e fazzolettini trova la via d'uscita soltanto alla fine, ed è sempre lui che ci spezza il cuore una seconda volta. E' passato un anno o forse più, i pezzi eravamo riusciti a raccoglierli tutti quanto viene sganciata un'altra bomba e si torna al punto di partenza.

Leggere un libro scritto dalla Oliver è come fare un patto col diavolo, è bello finché dura ma quando arrivi all'ultima pagina ti rendi conto che fin dall'inizio non poteva che andare a finire male.

24 commenti:

  1. Parole sante! Le tue ultime frasi riassumono perfettamente cosa sono i romanzi della Oliver! Non vedo l'ora di avere Requiem tra le mani... il nome già lascia presagire male :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Requiem sarà la tortura finale :')

      Elimina
  2. Devo leggerlo presto!!! Adoro la poesia che c'è nelle parole della Oliver *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una delle mie scrittrici preferite *^*

      Elimina
  3. Perdonami se non leggo la tua recensione ma... devo ancora leggerlo e sto evitando con cura tutti i possibili spoiler. >.<
    Ah, mannaggia a me... prima sono impaziente per l'uscita di un libro e poi ci metto anni per leggerlo. -.-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non potevo resistere...adesso però l'attesa per Requiem si farà sentire >.<

      Elimina
  4. Bellissima recensione, Elena :)
    Io sto aspettando di leggere Chaos da un po' di tempo, ma alla fine escono sempre nuovi romanzi e io mi ritrovo a far precipitare in fondo alla lista quelli che aspettano da più tempo :P...
    Ah, penso che lo prenderò tra poco, anche se non sono del tutto sicura di poter resistere ad un'altro finale straziante delle Oliver... Quella donna è così maledettamente geniale che nonostante mi strappi brutalmente il cuore dal petto dopo ogni suo libro non posso fare a meno di adorarla :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille ^^
      Come ti capisco, la lista si allunga e molti libri vengono dimenticati...Chaos però non poteva aspettare, ero troooooppo curiosa.

      Elimina
  5. Ho cercato di leggere meno cose possibili per non auto spoilerarmi :-/
    però non è la prima volta che leggo di questo rapporto di amore/odio con la Oliver..spero che delirium mi piaccia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non hai ancora letto Delirium devi proprio farlo, è stupendo *^*

      Elimina
  6. C'è un premio per te nel mio blog!

    RispondiElimina
  7. C'è un premio per te sul mio blog ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche a te, passo a vedere :)

      Elimina
  8. Bellissima recensione *-*
    Ho adorato questo libro anche se mi è piaciuto un po' meno del primo, spero di ritrovare in Requiem qualcosa di Delirium.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, ti ringrazio *-* Spero anch'io di trovare un po' di Delirium in Requiem e spero anche che esca presto!

      Elimina
  9. Ma che bella questa recensione! **
    Rimango della mia idea di non continuare (almeno nell'immediato futuro) questa serie, però ora mi hai incuriosita molto XD
    E' che questo libro urla "triangolo" da tutte le parti, il che mi spaventa -.- E soprattutto non mi piace il fatto che Alex sia praticamente assente :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazieee *^* Sono felice di averti incuriosita, magari in un futuro lontano potresti riprenderla :P L'idea del triangolo mette paura ma non è come in tutti gli altri libri, c'è ma non c'è. Alex purtroppo manca e si sente, spero che torni più forte di prima in Requiem!

      Elimina
  10. Bellissime parole! *-* Brava!
    Chaos mi è arrivato l'altro giorno... ma ho una certa paura a leggerlo XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentilissima :*
      Sono sicura che lo adorerai, leggilo al più presto ^^

      Elimina
  11. C'è un premio per te sul mio blog ;)

    RispondiElimina